www.borgosabotino.it

 
  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Centrale Nucleare

Il laboratorio scomparso

Finanziato con 800mila euro, costruito anche il container. Tutto inutilizzato

Doveva servire a monitorare i tumori legati alla centrale nucleare

Almeno una volta al mese qualcuno resuscita la necessità di uno studio epidemiologico su eventuali effetti negativi per la salute dei residenti nelle aree più vicine alle due centrali nucleari presenti in provincia di Latina. E ogni volta si chiedono ulteriori fondi. Pochi (forse) sanno che questo studio è stato finanziato nel 2009. Di più: è stato materialmente costruito un laboratorio che si trova dentro un container installato appositamente accanto alla centrale di Borgo Sabotino. Doveva servire per la rilevazione dei radionucleidi nell’ambito dello studio epidemiologico che in atti di Regione Lazio, Comune di Latina e Arpa reca questo titolo: «Valutazione epidemiologica dello stato di salute della popolazione residente nelle vicinanze delle centrali nucleari di Borgo Sabotino e del Garigliano ».

Leggi tutto...
 

Tavolo della trasparenza per la centrale nucleare

La Regione accoglie la proposta di Enrico Forte

Dopo la fortunata esperienza del tavolo della trasparenza per la centrale del Garigliano, la Regione Lazio ha approvato il medesimo strumento di controllo e confronto per il decommissioning della centrale nucleare di Borgo Sabotino. La giunta regionale presieduta da Nicola Zingaretti con una delibera del 7 agosto scorso ha istituito il Tavolo della trasparenza per le attività di dismissione della centrale nucleare di Borgo Sabotino dando seguito alla richiesta che il consigliere pontino Enrico Forte aveva presentato con una mozione discussa anche in Consiglio regionale.

Leggi tutto...
 

Bonifica nucleare, operazione trasparenza

La Regione ha istituito un tavolo di confronto tra enti


L’opera di dismissione della centrale nucleare di Borgo Sabotino dovrà procedere senza ombre. Con questo obiettivo la Giunta regionale del Lazio ha definito l’istituzione del «Tavolo della trasparenza ». Con lo scopo di garantire il più ampio livello di conoscenza, di partecipazione e comunicazione nei confronti di tutti i soggetti interessati alle attività di bonifica, al tavolo della Regione Lazio parteciperanno il Ministero dell’ambiente della tutela del territorio e del mare, quello dello sviluppo economico, quello della salute, quindi la società Sogin incaricata dei lavori in centrale, la Prefettura e la Provincia di Latina, tutti i Comuni il cui territorio ricade nel raggio di trenta chilometri dalla centrale, il Parco Nazionale del Circeo, l’Ispra, l’Arpa Lazio e le associazioni ambientaliste interessate.

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 45

chi è on-line

 5 visitatori online

Sostieni il Borgo

Importo: 


Banner

passo genovese