Un uomo di 56 anni è stato arrestato ieri dagli agenti della squadra mobile di Latina in esecuzione di un’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Latina. L’uomo, pregiudicato, è stato arrestato a seguito di un’attività di indagine dei poliziotti della Questura, che ha evidenziato i comportamenti violenti dell’uomo, consistenti in ripetuti maltrattamenti fisici e psichici ai danni della moglie. In particolare, nel settembre 2014, il tunisino, dopo essere rincasato ubriaco, senza alcun motivo, aggrediva e malmenava la moglie strappandole i capelli.

Dopo questo ed altri episodi, il tribunale di Latina nel 2018 condannava il 56enne tunisino a 2 anni per maltrattamenti in famiglia applicandogli la misura cautelare del divieto di avvicinamento che terminava lo scorso febbraio. Da quel momento la donna ha subito nuovamente dal marito tutta una serie di violenze e prevaricazioni fino a all’episodio certamente più allarmante di aprile 2020. Mentre la donna faceva la spesa in un supermercato di Borgo Sabotino è stata avvicinata dal’uomo che l’ha minacciata dicendole: “ ti faccio fare una brutta fine….ti faccio passare una brutta vita”. La donna era riuscita a scappare all’interno della sua auto per timore di essere aggredita mentre l’uomo iniziava a dare pugni e calci al finestrino. Si tratta dell’ennesima operazione messa in campo dalla Polizia di Stato – Questura di Latina sempre particolarmente attenta alle problematiche che afferiscono i soggetti più vulnerabili, tanto che, presso la Squadra Mobile è stata individuata dal Ministero dell’Interno una specifica Sezione composta da personale altamente specializzato nella trattazione dei reati contro la persona ed in particolare di quelli commessi contro i cosiddetti “soggetti deboli”, consumati in ambito intrafamiliare, nei confronti di donne e minori, e per i quali il legislatore ha recentemente emanato nuove direttive confluite nel c.d. Codice Rosso. Il costante coordinamento della Procura della Repubblica di Latina guidata dal procuratore capo, Giuseppe De Falco, e dal procuratore aggiunto, Carlo Lasperanza, che hanno redatto delle linee guida e dei protocolli tali da rendere l’intervento delle Forze dell’ordine e della magistratura sempre più efficace e rapido, hanno consentito di eseguire un elevato numero di misure cautelari a tutela delle parti offese. LatinaQuotidiano.it - 20.11.2020


Il Borgo di una volta